• 01.jpg
  • 02.jpg
  • 03.jpg
  • 04.jpg
  • 05.jpg
  • 06.jpg
  • 07.jpg
  • 08.jpg
  • 09.jpg
  • 10.jpg

Tomb Raider III Gold - L'artefatto perduto

TRIIIGM

Sotto il ghiaccio del Logo che accompagna The Lost Artifact, quello con quell'orribile mano azzurra, giace il corpo del dott. Willard.

Lara ne ha recuperato alcuni effetti personali, fra cui il portafoglio. Artefatti recuperati, committente-ostacolo tolto di mezzo, come dare un seguito a Tomb Raider III?

Basta inventarsi una nuova ambientazione (sono restio ad usare il termine "Location") e un artefatto mai menzionato nel gioco principale. Un artefatto perduto quindi, anche nella memoria.

Che viene scoperto negli appunti del defunto dr. Willard che Lara esamina nella tranquillità della sua casa, valutando il contenuto del portafoglio.

Qualche banconota di valute diverse e alcuni fogliettini. Il dr. Willard conservava un ritaglio di giornale con un articolo sulla nostra ricercatrice insieme ad uno sgualcito telegramma che indica la presenza di un quinto artefatto.

C'è una vecchia foto di un lago, forse quello di Loch Ness, visto che si intravede la sagoma di un dinosauro. Non male come indizi.

Dal telegramma, seppur molto rovinato e in molte parti illeggibile, Lara apprende che un quinto artefatto è stato trovato e spedito presso il lago Ness, nella proprietà del dr. Willard. La firma è di un certo James (sarà mica Rutland?)

Finalmente Lara gioca in casa. Gli altopiani scozzesi sono alla sua portata, la ricerca la porterà fino al costruendo tunnel sotto la manica e infine in Francia, dove entrerà in possesso di questo ultimo artefatto: la Mano di Rathmore.

 

A sbarrare la strada a Lara c'è una vecchia conoscenza che credevamo di aver sistemato a Londra, nell'episodio precedente.. la nostra cara amica Sophia Leigh. Apparirà all'ultimo livello, per impedirci di impossessarci definitivamente dell'artefatto.

Nel più classico degli stili "Gold", non ci sono filmati di raccordo, i livelli sono consecutivi e piuttosto lunghi e impegnativi. Tre segreti per livello che, come nell'episodio principale, tornano ad essere degli oggetti di "consumo". Solo il livello finale è molto più corto e privo di segreti. Appaiono poco credibili alcuni degli avversari, tali energumeni scozzesi in kilt. Interessanti invece alcuni dei nascondigli dei segreti.

La sola Quad bike come mezzo di trasporto, purtroppo. Come nel secondo episodio Gold, molte le citazioni all'episodio di riferimento anche se alcuni livelli risultano un pochino forzati. Tuttavia il primo (Highland Fling) lascia intuire una trama interessante e una cura particolare usata nella costruzione del gioco.

Saluteremo con questo episodio la grafica di una Lara che non vedremo più. Il design successivo sarà completamente diverso, così come gli ambienti e gli sfondi. Addio vecchia Lara quindi, il nuovo avanza!

 

Eccoci alle soluzioni o, volendo, possiamo dare un'occhiata a Cosa troveremo nel gioco.

Questo sito usa i cookies per migliorare la navigazione e il ritorno sul sito.
Continuando la navigazione accetti tale utilizzo. Per saperne di più clicca sul pulsantino o chiudi il banner.